Officina Magazine
Magazine online d'attualità e opinioni

Mattarella conferisce l’incarico di governo a Giuseppe Conte

Le prime dichiarazioni di Giuseppe Conte

Dopo varie peripezie, veti incrociati e dichiarazioni fuori luogo ecco nascere, finalmente, il nuovo governo.

La strada è stata lunga e travagliata dallo scorso 4 marzo. Si è dovuti passare da due giri di consultazioni, da scherni fra vari capi politici e da veti incrociati da destra a sinistra.

In fine però, dopo il via libera di Silvio Berlusconi, la Lega a trazione Salvini ha ceduto ed è andata a sedersi al tavolo con i “Pentastellati”.

Da questo tavolo è nato – per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana – un contratto di governo alla “tedesca”, nonostante dopo la sua riabilitazione Silvio Berlusconi si dicesse pronto a guidare un governo di centro-destra, tradendo di fatto gli accordi presi con i suoi alleati.

Cosi è nato il governo M5s – Lega e – solamente il 21 maggio – Luigi Di Maio affermava:

Abbiamo indicato il nome di Giuseppe Conte al presidente della Repubblica. Un nome che può portare avanti il contratto di governo. E sono particolarmente orgoglioso di questa scelta. Giuseppe Conte sarà un premier politico di un governo politico, indicato da due forze politiche, con figure politiche al proprio interno. E soprattutto con il sostegno di due forze politiche votate. Senza cambi di casacca, senza persone che vengono dal gruppo misto e che entrano in altri gruppi.

Ti potrebbe interessare anche...

Dopo ulteriori consultazioni del Presidente della Repubblica con i presidenti di Camera e Senato, il nome proposto dai leader del MoVimento 5 Stelle e della Lega, Giuseppe Conte, è stato convocato al Quirinale per un colloquio con il Capo dello stato.

Mattarella e Conte al Quirinale
Mattarella e Conte al Quirinale

Alle 19:30 il professor Conte è uscito dalla sala del colloquio ed è stato annunciato che il capo dello stato gli ha conferito l’incarico di formare un governo e che egli ha accettato con riserva. Nel suo discorso, in accordo con Mattarella, ha ribadito la sua visione europeista e si è proclamato “Avvocato difensore del Popolo Italiano” e quindi, forse – al contempo – sovranista.

Ora non resta che attendere il voto di fiducia di Camera e Senato, sulla base delle intese fra M5s e Lega.

Si spera solamente che il nuovo Presidente del Consiglio non sia – o diventi – un burattino nelle mani dei capi delle forze politiche vincitrici delle elezioni. Come affermato dall’articolo 95 della Costituzione Italiana: “Il Presidente del Consiglio dei ministri dirige la politica generale del Governo e ne è responsabile”.

Se ciò dovesse succedere non sarebbe solamente ingiusto e truffaldino nei confronti degli italiani ma violerebbe palesemente la Costituzione.

Segui Officina Magazine su FACEBOOK, non costa nulla!

Lasciaci la tua mail e ti informeremo una volta a settimana con le più importanti news dall'Italia e del mondo

 

Non perderti nessuna notizia dall'Italia e dal mondo.

Quasi fatto!

Controlla la tua casella e conferma la registrazione!